Giro di Viso

Dati Tecnici

Lunghezza percorso: 42 Km.

Quota massima: 2880 metri

Dislivello positivo D+: 3000 metri

Dislivello negativo D-: 3000 metri

Tipo percorso: Ad anello

Scala difficoltà: EE

Autore Relazione

Uscita effettuata in data

11/09/2021

Condividi Itinerario

Ecco una foto presa dall'itinerario

Descrizione

Questa proposta è la variante classica del Giro di Viso, svolta in 2 giorni con partenza da Pian della Regina e pernottamento al Bivacco Bertoglio. Esistono moltissime versioni di questo giro panoramico ad anello intorno al Re di Pietra. E’ facilmente adattabile alle esigenze di tutti. Per le persone meno allenate (quelle che vanno in montagna una volta l’anno) è possibile suddividere il percorso in tappe più corte e pernottare nei numerosi rifugi che si trovano sul percorso (Quintino Sella, Vallanta, Refuge du Viso, Giacoletti, Alpetto). Per le persone che invece si sentono Messner è possibile fare delle deviazioni per toccare alcune punte, come il Viso Mozzo (3019 m), Punta Malta (2995 m), Colle delle Traversette (2950 m), Monte Losetta (3052 m), ecc…

Ci sono più punti da cui si può partire: Pian del Re, Pian della Regina, Crissolo, Castello (Pontechianale). E’ possibile effettuare l’anello sia in senso orario che antiorario. La versione proposta qui è in senso orario.

Periodo migliore: da giugno a ottobre

 

DESCRIZIONE ITINERARIO:

Partenza da Pian della Regina (Crissolo) (1770 m).

Si prende il sentiero in direzione lago Chiaretto, si prosegue poi fino ad arrivare al colle del Viso (2650 m), si prosegue in vista del lago Grande di Viso e al vicino Rifugio Quintino Sella (2640 m), dove si può fare un pasto o su prenotazione pernottare. Se si decide di pernottare al rifugio Alpetto (2268 m), giunti Quintino Sella, seguire il sentiero a destra verso Oncino e in circa trenta minuti si raggiunge il rifugio nei pressi dell’omonimo lago.

Per chi prosegue, invece, prendere il sentiero per il passo Gallarino (2727 m), passando per la conca dei laghi delle Sagnette e poi continuare verso il Passo San Chiaffredo (2764 m). Si passano alcuni laghetti (lago Lungo, lago senza nome e lago Bertin) e si arriva fino al Bivacco Bertoglio dove si pernotta.

Il giorno dopo si scende il vallone e giunti al fondo, presso le grange Gheit (1930 m), scegliere il sentiero a destra che risale il vallone di Vallanta. Continuare lungo il sentiero fino al Rifugio Vallanta (2450 m), anche qui c’è la possibilità di pernottare.

Continuare poi sul ripido sentiero che porta al passo di Vallanta (2815 m) e scendere nella valle francese del Guil. Poco dopo il lac Lestio, al bivio, prendere il sentiero a destra che conduce al Refuge du Viso (2460 m), superarlo e proseguire lungo il sentiero fino al prossimo bivio. Ora salire a destra lungo la mulattiera che porta allo storico buco di Viso (2882).

Da qui scendere nel vallone che porta a pian del Re, con una breve deviazione si raggiungono le sorgenti del Po. Scendere lungo il sentiero fino a Pian della Regina, dove si conclude l’anello.

Ti potrebbe interessare anche...